Skip to main content
Comunicati Stampa

Approvati i Bilancio consuntivo e preventivo di Cosmari srl

By 01/07/2023Maggio 22nd, 2024No Comments

Nuova assemblea dei Comuni soci di Cosmari.

Due i punti iscritti all’Ordine del giorno dal Presidente FF Giuseppe Giampaoli e inerenti l’approvazione del bilancio consuntivo 2022 e il bilancio preventivo 2023.

Presenti Sindaci o loro delegati per il ….% di quote societarie.

 

L’esercizio della società Cosmari srl ha chiuso al 31 dicembre 2022 con un risultato positivo pari ad Euro 39.761.

Tale valore risulta essere perfettamente in linea con le previsioni espresse nel Preventivo 2022

approvato, nonostante l’importante aumento dei prezzi generalizzato che ha caratterizzato tutta

l’annualità in esame e la situazione emergenziale venutasi a creare a seguito dell’incendio che ha

interessato l’impianto TMB nell’aprile 2022.

Nello scorso anno, si è riusciti comunque a neutralizzare completamente tali problematiche, grazie ad una attenta gestione dei costi operativi, un analogo aumento dei prezzi di vendita dei materiali di recupero, una oculata gestione della liquidità aziendale, votata all’autofinanziamento dei fabbisogni finanziari, ed al contributo straordinario di vari fatti e partite venuti a risoluzione nell’anno in esame, che hanno generato proventi straordinari in misura molto significativa.

In linea con l’anno precedente, la società ha dunque continuato a conseguire un risultato economico positivo ed in pieno equilibrio economico/finanziario. Il valore della produzione nel 2022 è stato pari a 54.630.157 euro mentre i costi ammontano a euro

A fine 2022 il personale in forza contava 586 unità, con un incremento rispetto all’anno precedente

di 22 addetti.

 

Venendo ad aspetti più prettamente operativi, doveroso è un focus sull’incendio che, ad aprile 2022, ha interessato l’impianto TMB aziendale, e che ha di fatto segnato profondamente tutto l’andamento aziendale dell’anno passato: a seguito di tale evento, straordinario ed imprevedibile, l’azienda ha prontamente attivato delle cooperazioni con aziende di territori limitrofi, grazie anche al sostegno dei rispettivi Enti di governo dell’Ambito, al fine di assicurare il costante svolgimento del servizio di trattamento e smaltimento dei RSU prodotti nel nostro territorio di competenza, che di fatto non ha conosciuto interruzioni.

Al contempo, si è riusciti a realizzare e mettere in funzione un nuovo TMB provvisorio, con il quale

sopperire in via emergenziale, temporanea e d’urgenza, all’impianto TMB andato parzialmente a

fuoco ed oggetto di ristrutturazione; a tal proposito, parte dei lavori di ristrutturazione saranno

finanziati dal risarcimento assicurativo cui la società ha diritto in forza della polizza stipulata.

Preme segnalare che le trattative con la società assicurativa UnipolSai Assicurazioni SpA, con la

quale si era stipulata la polizza “All Risks” in essere al momento del sinistro, sono tuttora in corso; il Perito di parte incaricato ha stimato, in via prudenziale, in almeno 2 mln € l’importo dell’indennizzo:

tale cifra è stata pertanto inserita in bilancio, alla voce di conto economico “A5 – Altri Ricavi e

Proventi”.

 

Altro fatto di rilievo caratterizzante l’anno in esame, è senz’altro costituito dalla definizione di una

serie di questioni da tempo aperte con Regione Marche, a seguito del servizio di smaltimento delle

macerie prodottesi con il Sisma che ha colpito la Provincia di Macerata nell’anno 2016; si riportano

di seguito le più significative:

 il rientro molto consistente del credito vantato dalla nostra azienda, con più di € 6 mln incassati

nella seconda metà del 2022;

 

Per quanto concerne il bilancio di previsione 2023 è ispirato da un Programma di Governo composto da dieci punti, che delineano le questioni strategiche per l’impresa e che restano al centro dell’attività del CdA anche nel 2023: Programmazione d’Ambito; Riqualificazione dei servizi sul territorio; Riqualificazione della rete di raccolta; Completamento impiantistico e discarica; Rivisitazione e potenziamento della struttura della società; Strumenti di controllo, trasparenza e qualità; Introduzione Tariffa Puntuale; La strategia del PNRR nella gestione dei rifiuti; Armonizzazione dei Regolamenti Comunali; Rapporti istituzionali.

 

 

Per il Direttore generale Brigitte Pellei, l’anno in corso si caratterizza per una serie di problematiche che influiranno anche sulla gestione futura della società con la conferma del rincaro di materie prime (plastiche, mezzi, servizi, incremento prezzi di appalto) e il poderoso incremento dei costi energetici, dai carburanti per l’operatività dei mezzi, all’energia elettrica per l’attività dell’impianto di trattamento che seppur in lieve calo non sembra rientrino ai valori del 2021, e quindi l’azienda si trova a dover affrontare dinamiche di gestione economica e finanziaria sicuramente importanti. A questo si aggiunge inoltre lo stato di fatto relativo all’esaurimento della discarica comprensoriale di Cingoli che vede una mancata realizzazione di un sito alternativo e la necessità di ricorrere a conferimenti extra provinciali dei rifiuti.

Cosmari, pur essendo sufficientemente strutturato per dare risposte concrete in termini operativi e

economico finanziari, si ritiene di dover avere una prospettiva futura e di guardare al triennio

futuro su tali dinamiche al fine di prevenire eventuali danni che possano mettere in difficoltà la

gestione. Allo scopo ed in considerazione della fattiva collaborazione tra soci e Autorità d’Ambito, l’azienda ha previsto l’invio di una istanza di revisione tariffaria che permetta di anticipare le criticità di equilibrio economico finanziario e permettere una rimodulazione negli anni dei recuperi anche al fine di non appesantire la tariffazione finale agli utenti.

Per quanto attiene agli investimenti – scrive il Direttore Pellei – che hanno ripreso vita già nel 2022 si prevede per l’anno 2023 la conclusione dell’iter autorizzativo per la produzione di biometano, il rinnovo della flotta di gestione dei servizi, il revamping del TMB, la messa in funzione del nuovo impianto di selezione plastiche e multimateriale, il potenziamento delle linea di stabilizzazione della FOS, e, non ultima, l’introduzione degli strumenti per consentire l’estensione marcata della tariffa puntuale tramite sistemi di identificazione e Green Point, con l’obiettivo anche della riqualificazione dei sistemi di raccolta porta a porta e di prossimità. Discorso a parte la realizzazione di una nuova discarica comprensoriale con l’individuazione dei siti da sottoporre approvazione e relativa scelta da parte dell’assemblea dei Comuni soci.

Si confermano con questo bilancio anche i grandi progetti non solo dell’impianto anaerobico per la

FORSU, ma anche dell’impianto Fater per il recupero pannolini che risulta essere finanziato dai fondi PNRR mentre quello per il recupero di spazzature stradali, non finanziato, sarà rivalutato.

I fattori più significativi dell’esercizio 2023 si possono così sintetizzare: aumento dei ricavi rispetto al consuntivo 2022, che si può di seguito ulteriormente dettagliare: Ipotesi di accoglimento dell’istanza di revisione della tariffa, con un aumento in termini di competenza economica di circa il 13,99%;

ricavi vendita materiali di recupero e corrispettivi Conai per i quali si è previsto un aumento di circa 500 mila euro; totale azzeramento dei ricavi derivanti dalla gestione delle macerie.